Un lamento funebre per Babilonia

La gran città sta per essere distrutta, già si sente il lamento funebre per Babilonia. Il capitolo 24 di Matteo può essere scandito in diversi momenti. Ci sono i tempi in cui iniziano i dolori, i tempi in cui si aspetta che finisca una certa generazione, e, soprattutto, i sette tempi della fine. Il capitolo può idealmente dividersi in due parti rispetto al manifestarsi della cosa disgustante del versetto 15 che ne costituisce il massimo momento di climax.

Nella Bibbia ci sono spesso versetti sconvolgenti. Uno di questi si trova in fondo a Matteo 24:27-30 dove si legge: Poiché come il lampo viene dalle parti orientali e risplende fino a quelle occidentali, così sarà la presenza del Figlio dell’uomo. E allora il segno del Figlio dell’uomo apparirà nel cielo, e allora tutte le tribù della terra si percuoteranno con lamenti, e vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi del cielo con potenza e gran gloria.

Questo versetto ci dà a intendere che a quel punto la grande tribolazione sarà dovunque un dato di fatto e che la situazione sulla terra sarà per lo più resa insostenibile. Quando accadrebbe questa cosa?

Intanto sintetizziamo brevemente che cosa significa parlare del segno del Figlio dell’uomo. Gesù riferì in altre occasioni di un segno che i contemporanei continuamente richiedevano. Giovanni 2:18-21 riferisce: “Quindi, rispondendo, i giudei gli dissero: “Quale segno hai da mostrarci, dato che fai queste cose?” Rispondendo Gesù disse loro: “Abbattete questo tempio e in tre giorni lo rialzerò.” Perciò i giudei dissero: “Questo tempio è stato edificato in quarantasei anni, e tu lo rialzerai in tre giorni?” Ma egli parlava del tempio del suo corpo.”

In un’altra occasione Gesù disse: “Una generazione malvagia e adultera va in cerca di un segno, ma non le sarà dato nessun segno eccetto il segno del profeta Giona” e parlava cioè della sua morte.

Dove ci portano queste scritture? Ci fanno riflettere sul fatto che il segno viene collegato alla distruzione del tempio. Anche la domanda rivolta dai discepoli a Gesù nel racconto di Matteo 24 ha a che fare con gli edifici del tempio e il loro diroccamento.

Il lamento funebre per Babilonia: la distruzione delle religioni

Quali sono i significati impliciti nel simbolismo del tempio? Il tempio è una rappresentazione simbolica dell’adorazione a Dio sulla terra. Distruggere il tempio significa disintegrare le organizzazioni religiose sulla terra. Questo è ciò che sta accadendo da che la cosa disgustante di Matt 24:15 si è resa manifesta.

lamento funebre per Babilonia

Matteo sottolinea il fatto che tutte le tribù della terra si sarebbero percosse con lamenti. Lo stesso si legge in Rivelazione 18:9-10 dove si dice: “E i re della terra che han commesso fornicazione con lei e han vissuto nel lusso sfrenato piangeranno e si batteranno con dolore per lei, quando vedranno il fumo del suo incendio, mentre staranno a distanza per timore del suo tormento e diranno: ‘Sventura, sventura, la gran città, Babilonia la città forte, perché in una sola ora è arrivato il tuo giudizio!’

Tutto il capitolo 18 di Rivelazione è infatti giocato su questo carattere di lamento in stile funebre. Leggiamo:

“E i commercianti viaggiatori della terra piangono e fanno cordoglio su di lei, perché nessuno compra più il loro pieno carico, pieno carico d’oro e argento e pietra preziosa e perle e lino fine e porpora e seta e scarlatto, e ogni legno odoroso e ogni sorta di oggetto d’avorio e ogni sorta di oggetto di legno preziosissimo e di rame e di ferro e di marmo, e cinnamomo e spezia indiana* e incenso e olio profumato e olibano e vino e olio d’oliva e fior di farina e grano e bovini e pecore e cavalli e carrozze e schiavi e anime umane.

Sì, l’eccellente frutto che la tua anima desiderava si è allontanato da te, e tutte le cose squisite e le cose splendide sono perite da te, e non si troveranno più.

 “I commercianti viaggiatori di queste cose, che si sono arricchiti mediante lei, staranno a distanza a causa del timore del suo tormento e piangeranno e faranno cordoglio, dicendo: ‘Sventura, sventura, la gran città, vestita di lino fine e porpora e scarlatto, e riccamente adorna di ornamento d’oro e pietra preziosa e perla, perché in una sola ora così grandi ricchezze sono state devastate!’

“E ogni capitano di nave e ognuno che viaggi in qualsiasi luogo, e i marinai e tutti quelli che si guadagnano da vivere sul mare, se ne stettero a distanza e guardando il fumo del suo incendio gridarono, e dissero: ‘Quale città è simile alla gran città?’  E si gettarono polvere sulla testa e gridarono, piangendo e facendo cordoglio, e dissero: ‘Sventura, sventura, la gran città, nella quale si arricchirono tutti quelli che avevano navi in mare a motivo della sua opulenza, perché in una sola ora è stata devastata!’

 “Rallegrati su di lei, o cielo, e voi santi e apostoli e profeti, perché per voi Dio ha decretato la punizione giudiziaria di lei!”

E un forte angelo alzò una pietra simile a una grande macina da mulino e la scagliò nel mare, dicendo: “Così, con rapido lancio, Babilonia la gran città sarà scagliata giù, e non sarà più trovata

E il suono dei cantori che si accompagnano con l’arpa e dei musicisti e dei flautisti e dei trombettieri non si udrà più in te, e non si troverà più in te nessun artefice di qualsiasi arte, e non si udrà più in te suono di macina da mulino, e non risplenderà più in te luce di lampada, e non si udrà più in te voce di sposo e di sposa; perché i tuoi commercianti viaggiatori erano gli uomini preminenti della terra, poiché mediante la tua pratica spiritica furono sviate tutte le nazioni.  Sì, in lei fu trovato il sangue dei profeti e dei santi e di tutti quelli che sono stati scannati sulla terra”.

Cosa rappresenta tutto questo? Έ la caduta di Schiavi Apostati. Così, non appena quelli che si sono sempre presentati, e non senza orgoglio, come i rappresentanti del Cristo sulla terra subiranno un rovinoso crollo, tutte le ricchezze su cui la società umana faceva affidamento verranno devastate in una sola ora. (Riv 18:17a) Quando queste organizzazioni religiose cadranno, tutti gli occhi lo vedranno e ognuno dovrà trarre le proprie conclusioni.

E, soprattutto, agire di conseguenza: ritirarsi a Pella.


LE NOSTRE ADUNANZE

Dopo averli affrontati, sentiti libero di approfondire questi argomenti nelle sezioni del nostro Blog, o di cominciare anche tu a partecipare alle nostre Adunanze.

A partire da Ottobre 2020 come gruppo ci riuniamo su Zoom due volte a settimana per discutere della Bibbia e delle profezie. Siamo sempre più numerosi. Se vorresti partecipare scrivimi una mail a earthmeasured@gmail.com

Seguici per ricevere le notifiche dei nuovi video che pubblichiamo settimanalmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *