No caro Cecchi Paone, l’osservazione dimostra la terra piatta

L’osservazione dimostra la terra piatta e non il globo: bisogna urlarlo nelle piazze. Cecchi Paone qualche anno fa si è lasciato andare l’esternazione secondo la quale Galileo avrebbe dimostrato che la terra è un globo con la semplice osservazione. Riporto qui sotto un video in cui viene criticato per questa sua uscita. Il video dice che il Globo era una cosa chiara fin dai tempi dei greci. Paone dimostrerebbe quindi la sua ignoranza in materia scientifica, pur essendo egli un noto divulgatore scientifico.

Io invece vi dico che sono capre tutt’e due: il Cecchi perché non è vero che l’osservazione dimostri che la Terra sia un globo e non è vero che Galileo l’avrebbe dimostrato con l’osservazione, e l’autore del video perché è vero che i greci dicevano che la terra è una sfera, ma lo dicevano per motivi filosofici, non certo scientifici, e scientificamente non avevano dimostrato un bel nulla. L’esperienza di Eratostene è per esempio perfettamente replicabile su una terra piana e la divergenza dei raggi solari dimostra che tale esperimento può essere validamente concluso solo su un piano.

Ma vediamo bene questa cosa, come mai l’osservazione non dimostra che la Terra sia un globo.

L’osservazione dimostra la terra piatta, non il globo

Cecchi Paone fa probabilmente riferimento ad una osservazione delle lune di Giove che Galileo riuscì a fare grazie al suo telescopio. Egli osservò che le lune di Giove orbitano attorno al pianeta e questo lo si evince dal fatto che queste lune spariscono periodicamente dalla vista perché passano dietro al pianeta stesso.

L’osservazione sembrava quindi suggerire a Galileo la sfericità del pianeta e la circolarità delle orbite. Egli concluse, a detta di alcuni, che i pianeti, compresa la terra debbano essere sferici e che la Terra orbiti attorno al sole.

Il fatto che Giove appaia come un cerchio tuttavia non ci dice che esso sia una sfera. Per effetto della rifrazione dovuto alle fasce di van Allen, potrebbe infatti essere un disco che noi osserviamo sempre da sotto, e così deve essere nel caso in cui la terra sia piatta. Con la terra piatta infatti il pianeta si trova ad una altezza di 6-7 mila chilometri. Se Giove fosse sferico dovrebbe essere vista una faccia in parte diversa del pianeta da punti diversi della terra per effetto parallasse, ma questo non avviene.

Questo dimostra che se la terra è piatta, e Giove quindi è vicino, allora deve per forza essere un disco. Questo disco apparirà sempre come un cerchio perfetto per effetto delle fasce di van Allen il cui potere rifrattivo dovuto al plasma ci porterà a guardare il pianeta sempre da sotto. Per avere maggiormente chiaro questo argomento si legga l’articolo “L’Australia e la Terra piatta”. L’osservazione di Galileo quindi non ha assolutamente dimostrato che la Terra sia un globo.

Ma l’osservazione in generale può dimostrarlo? I nostri sensi in realtà ci comunicano continuamente che la terra è piatta ma anche ferma. Osservare la Corsica da Genova ci dice che la terra non possa essere una sfera. Osservare le costellazioni, che notte dopo notte sono sempre le stesse, ci fa capire che le stelle sono tutte alla stessa distanza su una cupola solida e che non si allontanano, né si avvicinano tra loro.

Ma lo stesso fatto che noi possiamo osservare qualcosa è una prova della terra piatta. In che senso?

Il nostro occhio è strutturato per vedere onde luminose che hanno una determinata lunghezza. Riporto di seguito un’immagine dello spettro elettromagnetico che mostra quale sia la fascia dello spettro che può essere veduta dal nostro occhio.

osservazione dimostra la terra piatta

Le radiazioni che costituiscono il campo del visibile sono onde elettromagnetiche. Come si propagano le onde nello spazio? Sappiamo che le onde si muovono anche nel vuoto e non hanno la necessità della presenza dell’aria. La fisica del 19° secolo postulava che esistesse un mezzo meccanico chiamato etere che consentirebbe il propagarsi delle onde elettromagnetiche e quindi della luce. Dopo l’esperimento di Michelson Morley che fallì nel rilevare un movimento relativo tra etere e terra, Einstein eliminò il concetto stesso di etere dalla fisica.

Senza l’etere però non ci possiamo spiegare come faccia l’onda a propagarsi. Non ci spieghiamo cioè come l’onda produca quel movimento di andata e ritorno ( su e giù) senza che ci sia un mezzo avente elasticità ed inerzia. Pensiamo ad una molla cui venga attaccato un peso. Se il peso viene tirato verso il basso la molla si allunga. Quando viene rilasciato la molla si comprime e il peso viene tirato verso l’alto. A causa dell’inerzia della massa la molla super la sua normale lunghezza di riposo e viene compressa. A questo punto la massa viene spinta nuovamente verso il basso e il ciclo si ripete.

Senza l’etere cos’è che produce questo movimento che consente la propagazione dell’onda?

Alcuni sarebbero tentati di dire: lo spazio tempo. Einstein infatti reintrodusse un concetto simile all’etere e cioè lo spazio tempo che sarebbe il tessuto di cui è generato lo spazio. Questo spazio tempo avrebbe però solo caratteristiche geometriche ma non fisiche. Infatti Einstein disse che lo spazio tempo non è costituito da particelle avente massa che attribuirebbero quindi caratteristiche meccaniche all’etere ma disse che semplicemente lo spazio tempo si curverebbe sotto l’azione di un campo di forze. Questa deformazione geometrica tuttavia non riesce a spiegare il movimento dell’onda. Come fa un campo di forze a produrre il movimento ondulatorio?

L’etere invece può farlo facilmente. Essendo infatti esso costituito da eteroni, cioè particelle aventi massa, sarà sufficiente uno stress elettrico o magnetico iniziale per consentire una compressione dell’etere, che essendo elastico tenderà a cercare nuovamente l’equilibrio. Si pensi alle onde sulla superficie dell’acqua. Avendo però anche un’inerzia tenderà a superare la posizione di equilibrio e a comprimersi nell’altra direzione. Questo ciclo di continue compressioni e rarefazioni dell’etere consente la propagazione delle onde elettromagnetiche.

Il fatto stesso dunque che noi possiamo fare delle osservazioni, cioè vedere, è perché esiste l’etere. Come conseguenza dell’esperimento di Michelson e Morley che non riuscirono a misurare un moto di etere della velocità di 30 km/sec che sarebbe la velocità di rivoluzione della terra attorno al sole, dobbiamo concludere che la terra sia ferma. Il fatto che la terra è ferma implica che sia piatta come conseguenza del fatto che viene a decadere la legge di gravitazione universale di Newton.

L’osservazione dunque, o meglio il solo fatto che noi possiamo osservare, ci dice che la terra è piatta e ferma e che non è un globo. Dobbiamo quindi sollevarci e pronunciare un fermo messaggio di condanna verso la falsa scienza, che non è altro che uno strumento di propaganda della religione. Questi divulgatori scientifici che si prestano alla diffusione del messaggio mainstream sono sacerdoti della falsa religione. Lo sono esattamente come lo erano i maghi egizi che si sforzavano di riprodurre le piaghe annunciate da Mosè per dimostrare che Geova non è un dio diverso da tutti gli altri.

L’odierna scienza, mettendo il sole al centro, lavora per ingannare miliardi di persone e allontanarle da Dio. Il sole è infatti Satana. Metterlo al centro vuol dire adorarlo. Come in Egitto si salvarono dalle piaghe solo quegli egiziani che riconobbero il potere del vero Dio e si unirono agli Israeliti quando questi uscirono dall’Egitto, allo stesso modo oggi si salveranno solo coloro che non si lasceranno ingannare dalla scienza eliocentrica, la stessa scienza che richiede oggi che facciamo un inchino al nuovo ordine mondiale accettando la vaccinazione.

Il nostro messaggio di condanna verso questa scienza, questa religione e verso i suoi sacerdoti deve risuonare forte nelle piazze del mondo.

riporto due video in cui si vede Paone difendere il globo contro il solito utile idiota che assolutamente non è in grado di difendere decentemente la Terra piatta, e un altro in cui dichiara di essere sacerdote massonico.


IL LIBRO SULLE MISURE DELLA TERRA

Tra i risultati degli sforzi editoriali del nostro gruppo c’è la pubblicazione di quello che è il libro più completo su tutto il panorama italiano riguardo le vere misure ed il sistema di cose della Terra Piatta (lo puoi trovare direttamente acquistabile da Amazon a questo link), che abbiamo tradotto anche in Inglese ed in Spagnolo.

michele vassallo - le vere misure della terra piatta

Se ti interessa l’argomento della bibbia e della Terra piatta seguici su telegram!

Rifugiati di Pella Gruppo Telegram

Seguici per ricevere le notifiche dei nuovi video che pubblichiamo settimanalmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *