Terra piatta: il sole si oscura

Lo studio che abbiamo affrontato a proposito della terra piatta e la pubblicazione del libro “Le vere misure della terra piatta” hanno stretta relazione con l’attuale e necessaria uscita da Babilonia. Più di 3500 anni fa l’uscita degli Israeliti dall’Egitto fu una rappresentazione di questa uscita. Geova dio usò Mosè per liberare il suo popolo e guidare questa uscita.

Il roveto ardente: il sole si oscura in Egitto

Dio assegnò a Mosè il suo ruolo dopo un periodo di addestramento di 40 anni nel deserto. Si trattava dell’occasione in cui Dio parlò a Mosè dal roveto ardente. Gli disse: “Io sono l’Iddio di tuo padre, l’Iddio di Abraamo, l’Iddio di Isacco e l’Iddio di Giacobbe”. Quindi Mosè nascose la sua faccia, perché temeva di guardare il [vero] Dio. E Geova aggiunse: “Incontestabilmente ho visto l’afflizione del mio popolo che è in Egitto, e ho udito il grido a causa di quelli che lo costringono al lavoro; perché conosco bene le pene che soffre.”

sole si oscura
Il roveto ardente: Il sole si oscura

Mosè tuttavia non si sentiva in grado e più volte chiese di essere rassicurato. “Comunque, Mosè rispose e disse: “Ma supponiamo che non mi credano e non ascoltino la mia voce, perché diranno: ‘Geova non ti è apparso’”. Quindi Geova gli disse: “Che cos’è ciò [che hai] in mano?” al che disse: “Una verga”. Poi gli disse: “Gettala a terra”. La gettò dunque a terra, e divenne un serpente; e Mosè fuggiva da esso. Geova disse ora a Mosè: “Stendi la mano e prendilo per la coda”. Egli stese dunque la mano e lo prese, e divenne una verga nella palma della sua mano. “Affinché”, come egli disse, “credano che ti è apparso Geova l’Iddio dei loro antenati, l’Iddio di Abraamo, l’Iddio di Isacco e l’Iddio di Giacobbe”.

Quindi Geova gli disse ancora una volta: “Metti la tua mano, suvvia, nella piega superiore della veste”. Mise dunque la sua mano nella piega superiore della veste. Quando la tirò fuori, ebbene, ecco, la sua mano era colpita da lebbra come la neve! Dopo ciò disse: “Rimetti la tua mano nella piega superiore della veste”. Rimise dunque la sua mano nella piega superiore della veste. Quando la tirò fuori della piega superiore della veste, ebbene, ecco, era tornata come il resto della sua carne!

“E deve avvenire che”, come egli disse, “se non ti crederanno e non ascolteranno la voce del primo segno, allora crederanno certamente alla voce del segno successivo. Nondimeno, deve accadere che, se non crederanno neanche a questi due segni e non ascolteranno la tua voce, dovrai quindi prendere dell’acqua dal fiume Nilo e versarla sull’asciutto; e l’acqua che avrai preso dal fiume Nilo certamente diverrà, sì, realmente diverrà sangue sull’asciutto”. (Esodo 4:1-9).

L’acqua del Nilo che diventa sangue, l’abbiamo già spiegato, significa l’incapacità della religione di dare ulteriore guida spirituale, bisogna uscirne se non si vuole partecipare della sua impurità. La mano che diventa lebbrosa significa la stessa cosa. Bisogna uscire per poter essere purificati.

Vediamo però in modo più approfondito la questione del serpente. Mosè avrebbe dovuto dimostrare con questo segno il fatto di essere stato mandato da Dio: doveva gettare il suo bastone che si sarebbe trasformato in serpente. La stessa cosa Mosè la fece davanti al faraone. I maghi del faraone seppero fare la stessa cosa, ma il serpente di Mosè mangiò il serpente del faraone. Cosa significa il serpente? Il serpente ha connotazione sia positiva che negativa nella Bibbia.

Il serpente simboleggia Satana. Nell’eden egli è il serpente che sedusse Eva. Non che egli si fosse manifestato come serpente in quella situazione, ma ne aveva manifestato le caratteristiche: cauto ma anche viscido, a contatto diretto con la terra, senza elevazione, spirituale e morale. Il serpente inganna Eva in quanto vuole l’adorazione degli uomini. Gesù viene quindi per rimediare ai guai combinati da Satana. La lotta quindi è tra Gesù e Satana. Gesù quindi è un serpente: il simbolo è doppio.

Il sole si oscura nel deserto

L’analogia è chiara per esempio dal racconto di Numeri in cui un serpente su un palo serve per guarire il popolo che veniva morso dai serpenti. Leggiamo: “Mentre continuavano a viaggiare dal monte Hor per la via del Mar Rosso per aggirare il paese di Edom, l’anima del popolo si stancava a causa della via. E il popolo parlava contro Dio e Mosè: “Perché ci avete fatti salire dall’Egitto per [farci] morire nel deserto? Poiché non c’è pane e non c’è acqua, e la nostra anima ha preso ad aborrire il pane spregevole”. Geova mandò dunque serpenti velenosi fra il popolo, e mordevano il popolo, così che molta gente d’Israele morì.

Infine il popolo venne da Mosè e disse: “Abbiamo peccato, perché abbiamo parlato contro Geova e contro di te. Intercedi presso Geova perché allontani di sopra a noi i serpenti”. E Mosè intercedeva a favore del popolo. Quindi Geova disse a Mosè: “Fatti una serpe infuocata e mettila su un’asta. E deve avvenire che quando qualcuno è stato morso, deve guardarla e quindi deve rimanere in vita”. Mosè fece subito un serpente di rame e lo pose sull’asta; e in effetti avvenne che se un serpente aveva morso un uomo ed egli guardava fisso il serpente di rame, allora rimaneva in vita.”(Numeri 21:4-9).

sole si oscura

Il serpente di rame è chiaramente una rappresentazione di Gesù, il cui sacrificio appeso ad un palo, avrebbe significato la salvezza dal peccato. Il serpente è in rame. Il rame è il materiale che caratterizza la Grecia nella statua di Daniele capitolo 2 (Daniele2:32;39). La Grecia è il capro con un corno in Daniele capitolo 8. Sia il capro che il corno sono rappresentazioni di Gesù Cristo (si veda il capro espiatorio di Levitico 16 e il corno di salvezza di Luca1).

Il serpente è poi una rappresentazione del sole, e in questo assume quindi una accezione negativa. L’ouroboro, il serpente che si morde la coda rappresenta infatti il ciclo interminabile delle albe e dei tramonti. L’ouroboro spesso viene rappresentato con la forma dell’analemma, la figura che disegna il sole nel cielo durante l’anno se lo si fotografa sempre alla stessa ora. Altre opere rappresentano l’uroboro avvolto a spirale a rappresentare la spirale del sole sulla terra durante l’anno.

Il sole e Gesù sono in lotta. L’uomo infatti dal principio della sua storia ha adorato il sole invece di adorare Geova Dio. Satana si è nascosto dietro al sole e ha richiesto l’adorazione al sole in modo occulto nelle religioni, a partire da quella egiziana per arrivare a tutte le religioni moderne, nessuna di esse esclusa. Torniamo quindi a quando Mosè si presenta in Egitto. Il popolo non è convinto e Mosè deve mostrare i segni portentosi che gli sono stati concessi per farsi credere,

Allora Mosè ed Aaronne si presentano davanti al Faraone. Mosè, per convincere il Faraone a lasciar partire il popolo, getta il suo bastone a terra e questo diventa un serpente. Ma anche gli stregoni del faraone fanno la stessa cosa. Però il serpente di Mosè mangia il serpente del faraone. La Bibbia rappresenta la vittoria di Gesù sul sole. Dopo le dieci piaghe infatti il popolo esce dall’Egitto, con la risultante distruzione di quella nazione, il cui faraone e il cui esercito muoiono sepolti dalle acque del mar rosso.

Torniamo ora nel deserto, dove gli israeliti cominciano a lamentarsi della manna, arrivando a chiamarlo cibo spregevole. Essi si lamentano al punto di dire di voler tornare in Egitto. Sembrerebbe la vittoria del sole sul Cristo, e allora Dio manda loro i serpenti solari, quelli di Satana, che li mordono, e molti di loro infatti muoiono. Solo rivolgendo la loro attenzione al serpente che rappresenta il Cristo riescono a salvarsi. Dio li ammaestra affinché si rendano conto di ciò che hanno lasciato e di ciò che costituisce davvero la salvezza.

Il sole si oscura nei tempi della fine

Veniamo ora ai nostri giorni. Sappiamo bene che stiamo vivendo il sesto anno dei sette tempi della fine iniziati nell’ottobre del 2015. Nel sesto anno rivelazione descrive la sesta tromba o il secondo guaio in questi termini: “E il sesto angelo suonò la sua tromba. E udii una voce dai corni dell’altare d’oro che è dinanzi a Dio dire al sesto angelo, che aveva la tromba: “Sciogli i quattro angeli che sono legati presso il gran fiume Eufrate”. E furono sciolti i quattro angeli, che sono stati preparati per l’ora e il giorno e il mese e l’anno, per uccidere un terzo degli uomini. E il numero degli eserciti di cavalleria era di due miriadi di miriadi: ne udii il numero.

Ed ecco come vidi i cavalli nella visione e quelli che vi sedevano sopra: avevano corazze rosse come fuoco, e blu come giacinto, e gialle come zolfo; e le teste dei cavalli erano come teste di leoni, e dalla loro bocca usciva fuoco e fumo e zolfo. Mediante queste tre piaghe fu ucciso un terzo degli uomini, dal fuoco e dal fumo e dallo zolfo che usciva dalla loro bocca. Poiché l’autorità dei cavalli è nella loro bocca e nelle loro code; poiché le loro code sono simili a serpenti e hanno teste, e con queste danneggiano.” (Rivelazione 9:13-19).

L’attacco di Gog di Magog è l’attacco di un esercito armato di tutto punto che cavalca cavalli con teste di leoni e code di serpente con le quali possono danneggiare e uccidere. Il loro veleno è quello del marchio, il 666 di Rivelazione 13. Il collegamento tra serpente e marchio 666, il nome della bestia non è un caso. Il serpente di questi cavalli rappresenta la religione solare che vuole imporre il marchio a chi vuole entrare nel NWO. Il 666 è il numero del sole, e rappresenta le sue misure. Questa è la battaglia tra il serpente buono e il serpente cattivo, tra il Cristo e l’anticristo che domina sulle religioni in questi ultimi anni e ne ha impedito l’attività e ha impedito la fornitura di qualsiasi cibo spirituale ristoratore.

La lotta tra i due serpenti non ha luogo solo ora con la vaccinazione ma inizia nel 2015 con l’inizio dei sette tempi della fine. Questo ha luogo con lo svelamento di importanti verità sulla vera forma della terra. Si è rivelato in questo modo come nelle religioni in cui tutti noi eravamo si adori il sole in modo occulto. Questo avviene nel momento in cui le religioni accettano la narrativa scientista della bestia secondo la quale il sole starebbe al centro del sistema solare. La corretta analisi sulla terra piatta inizia invece nel 2015, prende corpo negli anni successivi e arriva a piena maturazione nell’arco di tre anni e mezzo.

Questo è il serpente buono, che rivela i numeri del sole, proporzionali al 666, rivela la sua traiettoria a spirale, la sua vera posizione e le sue dimensioni. Il creato viene riposizionato nella sua posizione di creatura, perché non è più sconosciuto, magico o divino. Questi studi vengono presentati a più riprese alla bestia selvaggia, nella figura dei capi dei Testimoni di Geova, perché a loro ci siamo rivolti. Loro rappresentano il faraone davanti ai quali Mosè getta il bastone che diventa un serpente. La descrizione dettagliata di come funziona la terra piatta è in effetti un bel portento, per chi la voglia analizzare. Nello stesso tempo comunque nasce un altro serpente, quello cattivo che inganna il faraone e non gli permette di capire cosa stia succedendo.

sole si oscura

Nasce cioè, già a partire dal 2014, una narrazione della Terra piatta totalmente distorta. Questa narrazione non è profonda, si tratta di uno studio superficiale condotto da bravi influencers negli Stati Uniti, che raccolgono un gran numero di persone e raccontano loro delle mezze verità. Il racconto così propagandato risulta ridicolo, anche perché spesso chi parla di queste cose è impresentabile e rende impresentabile anche l’argomento.

Presentando quindi alle persone una verità ridicola sulla terra piatta, tolgono loro ogni desiderio di approfondire l’argomento e cercare davvero la verità. Tuttavia il serpente buono, la corretta narrazione della terra piatta, vince quando nel 2019 inizia il regno messianico. Il sole annerisce e le stelle cadono, iniziando un processo d che culminerà nel 2022 con la distruzione finale di tutto il sistema religioso. Questo significa che le religioni non hanno potuto nascondere ulteriormente la verità sulla vera forma della Terra.

Il sole cade e si oscura di fronte a Gesù. Il serpente malvagio, e cioè l’inganno ordito dall’anticristo per impedire la corretta comprensione della forma della terra, viene mangiato, nel senso che non può impedire la caduta delle religioni. Questa cosa diviene evidente con il lockdown del marzo 2020 dove le religioni non possono nulla di fronte alla scienza e devono chiudere le loro attività di adorazione.

Questo è il segnale per uscire dall’Egitto/Babilonia. Nel momento parte la caduta delle religioni il popolo di Dio, il rimanente, inizia ad uscire. La loro comprensione sulla forma della terra aumenta. La nostra speranza è che sempre più persone arrivino a questo livello di consapevolezza.


IL LIBRO SULLE MISURE DELLA TERRA

Tra i risultati degli sforzi editoriali del nostro gruppo c’è la pubblicazione di quello che è il libro più completo su tutto il panorama italiano riguardo le vere misure ed il sistema di cose della Terra Piatta (lo puoi trovare direttamente acquistabile da lulu a questo link), che abbiamo tradotto anche in Inglese ed in Spagnolo.

michele vassallo - le vere misure della terra piatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *