Pace e sicurezza sotto il NWO

Un processo lungo sette anni

La guerra in Ucraina sta lasciando il mondo senza fiato. Le voci di una guerra nucleare si rincorrono e il presunto attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia ha affossato le borse che in Italia sono scese di oltre il 6%. Dalle piazze di tutto il mondo si eleva una richiesta di pace e sicurezza che risulta essere del tutto ipocrita. Le stesse nazioni che richiedono la pace inviano armi per rimpolpare gli arsenali Ucraini. Da una parte la Russia afferma che, se ci saranno ulteriori sanzioni, le cose peggioreranno e in risposta la presidente Von Der Layen ha detto che ci sarà un aggravarsi delle sanzioni finché gli attacchi non termineranno. Non c’è alcuna ricerca effettiva e pratica della pace. Eppure tutti chiedono la pace.

Naturalmente il pensiero di coloro che sono con gli occhi sull’adempimento delle profezie va alle scritture che parlano di “pace e sicurezza”. In particolare si pensa a 1 Tessalonicesi 5 dove si legge “Quando diranno: “Pace e sicurezza!” allora un’improvvisa distruzione sarà istantaneamente su di loro come il dolore di afflizione su una donna incinta; e non sfuggiranno affatto.” Risulta ovvio quindi quanto sia importante capire bene cosa significhi questa dichiarazione di “pace e sicurezza”.

Il fatto che si dice che diranno “pace e sicurezza” significa che ci sarà effettivamente un periodo di pace? Ora tutti dicono pace ma la pace non c’è. Ezechiele parla di falsi profeti che dicono pace quando non c’è pace. Significa forse che ci sarà una dichiarazione in un momento ben determinato dei tempi della fine? Un singolo evento storico di portata mondiale? Cosa significa inoltre l’ “improvvisa distruzione”? “Improvvisa” sembrerebbe un evento immediato subito dopo un evento singolo di dichiarazione di pace e sicurezza, ma potrebbe anche essere una distruzione improvvisa nel senso di inaspettata.

Dicono pace ma in realtà erigono un muro

Non è detto quindi che i versetti di primo Tessalonicesi intendano ua dichiarazione concentrata in un evento ma potrebbe essere invece un percorso che si chiude, come dice Tessalonicesi, con una distruzione che si manifesterà come i dolori di parto di una donna incinta. Partiamo proprio da questa ultima idea: una pace e sicurezza che porta ai dolori di parto.

Teniamo a mente che stiamo parlando dei tempi della fine e quindi dei tempi di cui parla il libro dell’Apocalisse. Il parto di cui parla l’Apocalisse è quello del capitolo 12 dove si parla del parto della donna vestita di sole. Si tratta di Babilonia, cioè il sistema religioso dal quale escono gli eletti, coloro che ereditano il regno millenario come coeredi del Cristo. La distruzione quindi rappresenta la fine di un processo di uscita che definisce l’espulsione dal sistema politico, religioso ed economico di coloro che Geova Dio ritiene degni della salvezza. Pace e sicurezza significa divisione e questo lo sappiamo da come viene descritta in Ezechiele 13. In questo capitolo la pace viene annunciata da falsi profeti che intonacano un muro eretto dal popolo.

Il muro è lo stesso che viene eretto in Ezechiele 39:11 con le ossa di coloro che escono da Gog di Magog. Si tratta del muro di divisione tra pecore e capri.

Sette anni di divisione

Quando inizia e quanto dura questo processo di divisione che loro chiamano “pace e sicurezza”? Ripetiamo che i versetti che abbiamo letto si riferiscono al tempo della fine. Il tempo della fine è un periodo di sette anni e inizia nell’ottobre del 2015, lo abbiamo già visto in tutte le salse.

Questi sette anni sono divisi in due parti dall’intronizzazione del Cristo che avviene esattamente a metà della settimana. I sette anni rappresentano il calpestamento di Gerusalemme di cui si parla in Luca 21:24. Si tratta cioè del calpestamento di Babilonia, che altri non è che il popolo di Dio che viene trovato mancante e alla fine distrutto. Solo un rimanente viene salvato. Nei primi tre anni e mezzo i due testimoni predicano vestiti di sacco (Rivelazione 11:3) mentre nella seconda metà della settimana, alla donna vengono date ali di aquila e viene nutrita nel deserto (Rivelazione 12:6).

C’è quindi un periodo di preparazione, poi a metà settimana c’è il parto cioè inizia l’uscita degli eletti da Babilonia. Il sistema non può più dare nulla agli eletti che rifiutano in toto la guida dell’uomo. La divisione inizia quindi a metà settimana ma la preparazione parte dal 2015. Cosa succede nel 2015?

La terra piatta

Già nel 2014 divenne molto popolare il movimento dei terrapiattisti. La questione della terra piatta venne alla ribalta a livello mondiale. Come mai la Terra piatta proprio nel 2015? Furono i governi stessi a tirare fuori la cosa e proprio per dare il via alla divisione. In che senso?

Per capire bisogna introdurre il concetto del Nuovo Ordine Mondiale. Il grande reset che porta all’ingresso nel Nuovo ordine Mondiale richiede un atto di adorazione verso il sistema da parte di chi vuole farne parte. Esattamente come Nabucodonosor richiedeva un atto di adorazione di fronte alla statua d’oro per poter vivere, oggi bisogna dimostrare di accettare in toto il sistema come guida e salvatore. L’uomo e la società attuale devono essere esaltati. Le vecchie religioni e il vecchio sistema dei governi devono essere distrutti.

pace e sicurezza

La Terra piatta ha permesso di introdurre un primo grande filtro per individuare coloro che non sono disposti all’indottrinamento. Queste persone hanno capito la grande verità sulla forma della Terra e hanno compreso che è molto meglio non fidarsi del sistema e del suo apparato scientifico. Hanno rifiutato l’idea di inchinarsi al globo che significa adorazione solare. I primi tre anni e mezzo sono serviti quindi a definire un primo gruppo di persone che non è disposto a lasciarsi ingannare. Sono serviti anche a definire bene i concetti relativi alla terra piatta che potete trovare in questo articolo di cui metto il link. Capire bene la forma della Terra non è una cosa da poco. Ci permette di rifiutare il sistema umano basato sull’adorazione al sole, cioè a lucifero, e adorare esclusivamente il nostro creatore celeste.

La propaganda pandemica

Negli anni a venire e in particolare nel 2020 la divisione è continuata. Con la pandemia infatti le religioni hanno dimostrato di non potersi opporre alla scienza. Nel lockdown anche le chiese son state chiuse e le feste di pasqua e Natale son state fortemente limitate. La religione ha dimostrato che l’uomo e la scienza sono superiori a Dio. O vorrebbero esserlo.

Con l’arrivo del vaccino si è determinata una ulteriore divisione tra coloro che si sono piegati alla scienza e coloro che non hanno voluto farlo. Questo significa “pace e sicurezza” all’interno del Nuovo Ordine Mondiale che riceve al suo interno esclusivamente yesmen e indottrinati. Pensate a tutti coloro che credevano alla propaganda televisiva del Covid e rimanevano incollati alla tv ad ascoltare il numero dei morti. Quelle stesse persone appendono oggi alla finestra la bandiera dell’Ucraina e attaccano chiunque non sia d’accordo con loro. Queste sono le persone del NWO.

Vengono invece eliminate quelle persone che costituiscono un pericolo per un governo mondiale: coloro che non sono disposti ad inchinarsi e a piegare il loro pensiero di fronte alla bestia. Questo è valido nel mondo occidentale ma anche nel blocco orientale di Russia e Cina. La propaganda da ambo i lati è per il NWO.

La guerra

Dopo al vaccino è arrivata la guerra in Ucraina che sembra essere l’ultimo atto nel processo di divisione. Grazie a questa guerra le persone continuano a schierarsi sempre di più per una parte o per l’altra ma non per Dio. Le guerre hanno sempre significato secolarizzazione e cioè allontanamento da Dio. La guerra è iniziata proprio quando le nazioni stavano eliminando le restrizioni per il Covid e sembrava quindi che fossero tornate pace e sicurezza in Europa e nel mondo.

Questa guerra non è tra due fazioni nazionali o grandi blocchi come potrebbe apparire. Si tratta di una guerra tra il NWO e il vecchio sistema politico religioso: Gog di Magog e Babilonia. Le nazioni stesse operano per distruggersi. Questo è chiaro per esempio dalle spropositate sanzioni che sono state comminate alla Russia. Sembra che siano state studiate per fare male in modo equivalente ad entrambe le parti. Sembra che ci sia il desiderio reciproco di una guerra mondiale. Questo porterà al crollo della moneta e all’utilizzo del passaporto sanitario universale con il quale verranno ammessi al NWO solo coloro che hanno ricevuto il marchio vaccino.

Pace e sicurezza quindi è stato un lungo processo di separazione che consentirebbe ai burattinai del Nuovo Ordine Mondiale di costruire una struttura politica in cui tutti siano sottomessi e manovrabili. Con la distruzione di questo sistema, che è iniziata ormai da un po’, essi obbediscono al loro motto “Ordo ab chao”. Ordine, cioè pace e sicurezza”, dal caos cioè dalla distruzione.

pace e sicurezza

A loro serviva distruggere il sistema politico religioso per poter eliminare gli indesiderati e poter costruire il loro sistema in pace e sicurezza. Sappiamo però che il sistema sta per finire per mano di Dio. Mancano pochi mesi.


LE NOSTRE RIUNIONI

Dopo averli affrontati, sentiti libero di approfondire questi argomenti nelle sezioni del nostro Blog, o di cominciare anche tu a partecipare alle nostre riunioni.

A partire da Ottobre 2020 come gruppo ci riuniamo su Zoom due volte a settimana per discutere della Bibbia e delle profezie. Siamo sempre più numerosi. Se desideri partecipare scrivimi una mail a earthmeasured@gmail.com

Se ti interessano gli argomenti della terra piatta e della Bibbia seguici su telegram: scrivimi per essere inserito nel gruppo

Rifugiati di Pella Gruppo Telegram

Seguici per ricevere le notifiche dei nuovi video che pubblichiamo settimanalmente!

4 pensieri riguardo “Pace e sicurezza sotto il NWO

  1. Certo che ne abbiamo fatta di strada in questi secoli tutti uguali e tutti contrassegnati da guerre, pestilenze, catastrofi naturali e ogni volta ne esce qualche santo qualche profeta a terrorizzare le povere menti labili. Gli aborigeni Australiani i nativi americani gli indigeni delle foreste amazzoniche gli sciamani del Perù, custodiscono più verità sulla vita della terra che tutti i fanatici che ritengono di detenere il potere assuluto di quello che raccontano a chi ci vuole credere. Noi siamo universo a noi spetta il compito del rispetto verso l’assoluto, purtroppo tutti presumono di costudirne il segreto, ma la verità e una sola si nasce e si muore . E tutto torna a ricomporsi nei secoli dei secoli e l’essere umano della tecnologia è troppo stupido per capirlo buona vita a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *