Non celebriamo più la commemorazione

Non celebriamo più la commemorazione: il regno è iniziato. Parlare della commemorazione significa dover parlare del regno di Dio e del suo insediamento in cielo, momento che precede la sua effettiva presa di potere sulla terra. In Luca 21:27 si parla della venuta del Cristo “in una nube”, quindi in forma invisibile. Più tardi il regno sarà visibilmente manifesto su tutta la terra e allora la tenda di Dio sarà col genere umano (Ri21:3). Tuttavia la parousia o presenza del Signore... Leggi di più

Il tempio del suo corpo

Per molti comprendere perché il Cristo dovesse morire di quella morte tremenda, di cui in effetti morì, risulta particolarmente difficile. Similmente si scandalizzano oggi, come si scandalizzavano nel passato, al pensiero che Geova potesse chiedere ad Abramo di sacrificare suo figlio Isacco, l'unico che fosse nato da Sara, lungamente atteso. Quello però era un modello di ciò che Dio stesso si proponeva di fare, e poi realmente fece, per redimere l'umanità dal peccato commesso in... Leggi di più

Nel Getsemani

In un giardino in mezzo agli ulivi, Gesù si ritirò dopo l'ultima cena. Fu lì che egli chiese al Padre di allontanare da lui quel tremendo calice. Il Padre l'ascoltava e soffiò su di lui  del suo spirito in proporzioni massicce alzando a dismisura la soglia del dolore, ossia il livello a cui uno stimolo viene percepito come doloroso. La soglia del dolore è quel livello d'intensità che divide il doloroso dal non doloroso. Con una soglia del dolore più alta c'è una tolleranza... Leggi di più

Come lo Spirito di Dio agiva durante l’agonia del Cristo, liberandolo.

Alla fine del suo lungo soffrire Gesù gridò forte due volte. Dapprima, verso la nona ora, "gridò a gran voce: “Elì, Elì, lamà sabactanì?”, ovvero: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” Una seconda volta  dopo che fu trafitto nel fianco Gesù gridò di nuovo a gran voce e rese lo spirito. (Matteo 27:46-50) Mentre questo accadeva straordinari eventi cosmici si verificavano intorno.  Il paese rimase nelle tenebre per tre ore e un terremoto portò scompiglio nei... Leggi di più

Gesù e il pesce con la moneta in bocca

Proviamo a considerare la Persona del Cristo in quegli aspetti che ne fanno un essere di gran lunga superiore al semplice uomo.  Dio Padre, come affermano le Scritture, è consapevole di tutto ciò che accade intorno a noi, perché  Gesù disse: Due passeri non si vendono forse per una moneta di piccolo valore? Eppure nemmeno uno di loro cadrà a terra senza che il Padre vostro lo sappia.  (Matteo 10:29)  Altre traduzioni... Leggi di più

Il ritorno di Cristo

Quando avviene il ritorno di Cristo in cielo? Per rispondere a questa domanda dobbiamo fare un po’ di cronologia e considerare le profezie della Bibbia. La profezia di Daniele che più ci informa della venuta di Gesù è quella che troviamo nel suo libro al capitolo 9. In questa profezia si predice l’anno in cui sarebbe stato stroncato Gesù. L’ultima settimana viene percorsa solamente per metà e poi Gesù viene ucciso e il sacrificio continuo viene fermato.  (Daniele 9:27) Dopo... Leggi di più

I Testimoni di Geova in errore sul Cristo

Possiamo assolutamente dire che l'effigie o il ritratto non corrisponde alla persona che viene ritratta. Come scriverà un famoso pittore, sotto la figura della pipa di un celeberrimo quadro: "Ceci n'est pas une pipe". Magritte in seguito scrisse: "Oh, la famosa pipa. La gente mi rimproverava per questo. Tuttavia, potresti accendere la mia pipa? No, è solo una rappresentazione. Se avessi scritto sotto l'immagine "Questa è una pipa", avrei mentito!" E aveva ragione. Dello stesso tenore... Leggi di più

La doppia natura del Cristo

Sulla doppia natura della persona del Cristo le Scritture esplicitamente non fanno dichiarazioni. Per questo fin dai primi tempi del cristianesimo ci furono discordanti approcci interpretativi. A partire dal secondo secolo si fecero tentativi per definire la persona del Cristo e comprendere come gli elementi umani e divini interagivano in Lui. Questo produsse dibattiti che spesso portarono a scismi. Vennero fuori correnti antitetiche, opposte l'una all'altra, nella fattispecie l'arianesimo e... Leggi di più

Il Ricco, Lazzaro e le 10 Vergini

Gesù raccontava parabole e poi le spiegava, ma solo agli interessati. Sulle 10 vergini molto è stato detto ma non sempre portando il discorso alle estreme conseguenze. Per esempio, ho notato che alla domanda su quante furono le vergini addormentate quasi nessuno sa o vuole rispondere. Eppure Matteo lo dice chiaramente: tutte sonnecchiarono e si addormentarono. Questo significa che a notte inoltrata la luce della verità comincia a sfuggire un po' a tutti. Inutile negarlo, questo è un... Leggi di più

Gesù entra nella sua città come re

I re entravano in Gerusalemme cavalcando asini. Davide, dopo aver giurato di far sedere sul trono suo figlio Salomone, ordinò a Zadoc, il sommo sacerdote, a Natan, il profeta, e a Benaia, la sua valorosa guardia del corpo, di prendere la sua mula e far cavalcare suo figlio Salomone fino a Ghihon per esservi unto re suo successore. Ed essi "facevano cavalcare Salomone sulla mula del re Davide e lo conducevano quindi a Ghihon". Poi Zadoc il sacerdote prese il corno dell'olio e unse Salomone... Leggi di più